Inserisci il numero desiderato.
Questo sito usa i cookie grazie a cui il nostro servizio può funzionare meglio. Altro
Pagina principale » Blog »

Le app di blocco rubano i tuoi dati

Le app di blocco rubano i tuoi dati

Molti di noi si rivolgono alle applicazioni di blocco delle chiamate perché è un modo conveniente per limitare le chiamate da telemarketing e altri numeri indesiderati. Tuttavia, l'utilizzo di app di blocco non è sempre sicuro per noi, in quanto si scopre che alcune di esse rubano i nostri dati. Come è possibile?

Cosa sono le applicazioni di blocco e come funzionano?

Come suggerisce il nome, abbiamo a che fare con applicazioni di blocco, quindi il loro compito è quello di proteggerci dalle chiamate indesiderate. Ci sono molti programmi diversi di blocco delle connessioni tra cui scegliere. Alcuni di essi vi permettono di creare voi stessi delle liste nere, il che significa che siete voi a decidere quali numeri saranno bloccati. Tuttavia, ci saranno anche quelle applicazioni che hanno i propri database neri con numeri di spam, quindi usarli può facilitare ulteriormente il nostro compito.

Indipendentemente dalle applicazioni di blocco che raggiungiamo, possiamo goderci la pace della mente ogni volta, quindi usarle sembra essere un'ottima idea. Basta scaricare l'applicazione (gratuita o a pagamento), installarla sul telefono e sbarazzarsi di tutto lo spam.

È davvero tutto così bello?

Si scopre che non è così, perché alcune applicazioni che bloccano le chiamate rubano i nostri dati! Come fanno? Le applicazioni di blocco delle chiamate non sono diverse da qualsiasi altra applicazione che scarichiamo sul nostro telefono. Così ogni volta che li scarichiamo, ci viene chiesto il permesso di accedere alle informazioni che abbiamo sul nostro dispositivo. A prima vista, non c'è niente di sbagliato in questo, ma basta scavare più a fondo per scoprire che alcune applicazioni di blocco per creare un database di numeri non solo guardano nella nostra lista di contatti privati, ma la usano anche per i loro scopi.

Naturalmente, questo accade solo se accettiamo la loro politica sulla privacy, ma non prendiamoci in giro, chi la legge? Tutti vogliamo passare attraverso l'installazione il più velocemente possibile ed essere in grado di utilizzare l'app che abbiamo. Sfortunatamente, questo ci si ritorce contro perché l'app invia tutti i nostri contatti e le relative informazioni ai loro server. E così non solo li hanno in casa, ma li mettono anche a disposizione degli altri, perché se qualcuno cerca un numero di telefono o un nome specifico, può visualizzare le informazioni ottenute dai nostri dispositivi.

Quindi come si fa a proteggere i propri dati?

Il modo migliore per proteggere i tuoi dati è evitare le app che prendono i tuoi dati e li usano a loro piacimento. Se questo è il caso, vale la pena controllare se ci capita di avere un'app di blocco sul nostro dispositivo che potrebbe compromettere la nostra sicurezza. Se si scopre che lo stiamo usando, vale la pena revocare tutti i permessi che gli abbiamo dato o semplicemente smettere di usarlo.

Dovreste anche essere più attenti quando scegliete la giusta applicazione di blocco. Leggete ogni volta le condizioni d'uso e l'informativa sulla privacy. Se qualcosa ci solleva dei dubbi, è meglio rinunciare a scaricarla e cercare un'altra applicazione.

Autore: Donata Giordano
L'articolo è stato pubblicato: Blog •  2020-01-12
Tag: che numero è spam telefonico servizio clienti pubblicità terrorismo telefonico chiamate

Articolo correlato